Indice del forum

Al Rami Astrologia Forum

TUTTO SULL'ASTROLOGIA E LE SCIENZE ALTERNATIVE

PortalPortale  blogBlog  AlbumAlbum  Gruppi utentiGruppi utenti  Lista degli utentiLista degli utenti  GBGuestbook  Pannello UtentePannello Utente  RegistratiRegistrati 
 FlashChatFlashChat  FAQFAQ  CercaCerca  Messaggi PrivatiMessaggi Privati  StatisticheStatistiche  LinksLinks  LoginLogin 
 CalendarioCalendario  DownloadsDownloads  Commenti karmaCommenti karma  TopListTopList  Topics recentiTopics recenti  Vota ForumVota Forum

astrologia e filosofia (Al Rami)
Utenti che stanno guardando questo topic:0 Registrati,0 Nascosti e 0 Ospiti
Utenti registrati: Nessuno


 
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> ARTICOLI ASTROLOGIA
PrecedenteInvia Email a un amico.Utenti che hanno visualizzato questo argomentoSalva questo topic come file txtVersione stampabileMessaggi PrivatiSuccessivo
Autore Messaggio
araf

Guru
Guru


Admin



Registrato: 08/05/11 14:46
Messaggi: 37
araf is offline 







italy
MessaggioInviato: 08 Mag 2011 16:18:07    Oggetto:  astrologia e filosofia (Al Rami)
Descrizione:
Rispondi citando

sul tempo e la realtà (on time and the reality )


L’arte astrologica è una meravigliosa macchina ad incastri che ha la capacità di sorprendermi sempre. Prima ancora che la utilizzi per capire della straordinaria diversità e complessità umana, la adopero per me stesso, per scoprire quello che non ci è dato di sapere con gli altri strumenti che servono per sondare i fatti e la realtà. Ma cosa definisce vero un fatto e da cosa è composta la realtà?

A finché un fatto possa essere definito vero, deve necessariamente esser vero al tempo presente, e per tutti quegli enunciati che appartengono al passato, per continuare ad essere veri, bisognerebbe che fossero riconfermati da un autorità competente, specializzata proprio nella materia che si occupa del fatto che ci interessa.

Ma per gli enunciati che riguardano il futuro, non possiamo affermare che sono veri fin tanto che non li vediamo realizzati. Allora l’astrologia in tutta questa storia non ha il ruolo di definire veri gli enunciati che riguardano il futuro, ma a fatti avvenuti, dare conferma a quegli enunciati che avevamo fatto in passato. Quindi l’arte astrologica al tempo presente avvalora o meno un nostro enunciato del passato e quindi non riguarda soltanto il futuro, ma riguarda il fatto che oggi, possiamo dare conferma a un fatto che prima di questo momento non era ancora tale.


Aver realizzato questa cosa, ci mette nelle condizioni di ammettere che non ha alcun valore giudicare una previsione prima che si compia, ma che il fatto stesso, realizzandosi, da’ sostanza e verità al nostro passato e quindi alla previsione.

Se al momento presente, confermo tramite un fatto, ciò che ho detto in passato, vorrà dire che sono proprio i fatti a determinare un “collante” tra passato presente e futuro. Vi è una fusione perché, l’enunciato verificatosi oggi appartiene alla percezione del passato, riguardante il futuro. Se nel futuro, e quindi oggi, vi è un fatto che corrisponde ad un enunciato del passato, assistiamo a una sovrapposizione dei tre tempi che ci induce a pensare che un fatto esiste prima che si compia ma che non può esser definito vero per una questione legata alle nostre percezioni.

La diversificazione dei tempi, infatti, è evidentemente prerogativa della percezione degli esseri viventi terrestri (chi in misura maggiore, chi in misura minore)e quindi, è per me ragionevole pensare che un essere superiore come Dio, viva in quella dimensione in cui non si può riconoscere un tempo, poiché i tre tempi corrispondono ad uno solo. Per questo, non ha alcun senso definire cosa ci fosse prima di Dio se quel tempo corrisponde esattamente col momento futuro e col presente.

Dunque, per inferenza, grazie all’astrologia, si può tentare di affermare qualcosa in più sulla realtà. Senza un certo tipo di osservazioni, infatti, sarebbe assurdo formulare questi pensieri. Quindi la realtà dipende dalla direzione delle nostre osservazioni. Se ci spingiamo a guardare il cielo stellato, con difficoltà ci renderemmo conto della formica che ci cammina vicino; contrariamente, se avessimo degli occhi come un microscopio, difficilmente riusciremmo a capire la forma che può avere un fiore o un essere umano. Per sondare la realtà, dunque, bisogna spingersi oltre le percezioni immediate legate solamente ai nostri sensi e quindi, molti fatti non potranno mai essere scoperti direttamente, a causa della limitatezza di queste percezioni.

La realtà quindi è anche quello che non riconosciamo, perché siamo noi con le nostre limitazioni a non essere in grado di riconoscerla. Nella maggioranza dei casi, noi umani siamo dotati tutti degli stessi sensi; eppure taluno, guarda le cose e quindi i fatti, in modo diverso inducendoci alla conclusione che la realtà è composta anche dall’insieme delle prospettive umane, attuate con ragionevolezza.

Ma come si può definire cosa è ragionevole e cosa no? Visto che la realtà non dipende solamente dalle nostre percezioni (tant’è che l’uomo non sente gli ultrasuoni che eppure esistono)è ragionevole supporre l’esistenza di leggi e fatti non direttamente percepibili dai nostri sensi; dunque, è ragionevole tutto ciò che può essere dedotto dai nostri sensi; ma la deduzione deve poggiare sulla constatazione dei fatti verificabili attraverso la nostra percezione, altrimenti non vi sarebbero basi dalla quale partire per un ragionamento. Quindi cadiamo in un circolo vizioso in cui risulta davvero arduo definire con assolutismo cosa possa essere ragionevole. Quello che si può concludere è che, secondo il mio parere, in via teorica non vi è limite alla ragionevolezza se essa poggia sulle osservazioni ottenute tramite i nostri sensi, ma senza che essi vincolino eccessivamente il processo del ragionamento. A finché ciò possa accadere, l’unico atteggiamento possibile, è quello che prevede l’utilizzo dell’umiltà e del possibilismo.

I miei sensi non mi forniscono gli strumenti per poter vedere in che misura siamo investiti dai simboli, se essi hanno una qualche forma o “abitano” in qualche dimensione a noi sconosciuta. Se dobbiamo considerare “vero” un concetto astratto come l’amore, che è impalpabile ma universalmente riconosciuto, dobbiamo convenire che esistono altri concetti che diventano fatti non appena si palesano (non obbligatoriamente in modo materiale)e quindi in ciò riconosco il fatto che è ragionevole supporre l’esistenza di altri oggetti intuiti.

Se intuisco per inferenza (non per osservazione diretta), dell’esistenza di altri fatti, si presuppone che questi, poggiano proprio sull’osservazione di un fatto antecedente, attraverso l’ausilio dei nostri sensi. Da ciò si desume che essi (i sensi) sono il trampolino di lancio ma anche la “conditio sine qua non” dalla quale far partire ogni tipo di ragionamento.

Attraverso i miei sensi (vista, udito, etc. etc.) posso constatare che un fatto si palesa e posso inferire che vi è un nesso tra il fatto stesso e la sua affermazione precedentemente enunciata. Quindi se io affermo che in determinate condizioni otterrò un determinato risultato, per inferenza dedurrò che c’è una stretta correlazione tra le condizioni di partenza e il risultato, anche se io non vedo il meccanismo mediante la quale si attua questo procedimento.

Studiare l’astrologia ci pone nelle condizioni di riconoscere i nessi esistenti tra i fatti, le vicende umane e i simboli astrologici. Solamente studiandola si può imparare a guardare la realtà con un occhio diverso, e a reinterpretarla secondo le nuove informazioni ottenute. Credo di esser molto fortunato ad aver intrapreso il cammino astrologico, poiché oggi ho la possibilità di riconoscere fatti e cose che non ero abituato a vedere. Continuare a studiarla significa avere grandi possibilità di ampliare la mia concezione del mondo, dell’esistenza e della realtà.

tratto da:
Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email
Adv



MessaggioInviato: 08 Mag 2011 16:18:07    Oggetto: Adv






Torna in cima
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> ARTICOLI ASTROLOGIA Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Non puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum
Non puoi allegare files in questo forum
Non puoi downloadare files da questo forum





Al Rami Astrologia Forum topic RSS feed 
Powered by MasterTopForum.com with phpBB © 2003 - 2008